Header image

Oggi Eva mi ha inviato questo bellissimo messaggio canalizzato. Un  messaggio universale, un messaggio dai Fratelli delle Stelle. Un messaggio di Luce.

Eva ha un bellissimo sito dove è possibile leggere altri messaggi e tante altre cose  http://www.fratellidellestelle.it/

Grazie Eva

 

 

 

Questa notte l’aurora era rossa ed è un fenomeno molto raro. Questa foto l’ha fatta circa 1 ora fa in Alaska, più precisamente a Fairbanks Marco Togni e Mihoko
Questa notte l’aurora ha raggiunto un indice kp di 6,67 che è davvero tanto.

I vichinghi un tempo credevano che l’aurora era il mitico ponte attraverso il quale le anime dei defunti passavano nell’aldilà.
Gli eschimesi della Groenlandia e del nord del Canada ritenevano invece che esse rappresentassero il regno dei morti. Quando le loro luci cambiavano velocemente voleva dire che dei loro amici stavano provando a mettersi in contatto con i loro familiari in vita. Questo popolo credeva inoltre che fischiando le aurore si sarebbero avvicinate a loro, mentre battendo le mani si sarebbero allontanante.Per i lapponi infine l’aurora boreale era un fenomeno potente e spaventoso. Indicava infatti la presenza di messaggeri di Dio, creature da rispettare e temere.Credevano che gesti come fischiare, agitare fazzoletti o far tintinnare campanelli spingessero l’aurora ad attaccare i trasgressori. qui trovate Marco https://www.facebook.com/MarcoTogni.it?fref=pb e anche qui http://www.marcotogni.it/ e qui http://blog.marcotogni.it/


 

Finito ora il mio nuovo acchiappa sogni, dalle parti va ancora appeso qualche cosa ma nei prossimi giorni verranno le cose da appendere :-)

La tradizione vuole che il Dream-Catcher venga costruito a forma di cerchio (l’eternità) con un ramo di salice piegato (che può essere rinforzato con cuoio) in cui viene intrecciata, con uno spago di cotone, la rete (della vita) che ricorda la ragnatela del ragno, il centro della rete può essere impreziosito con perline e denti di animale forte (simbolo di protezione), infine code di animali e piume di uccelli vengono legati all’estremo inferiore della rete. L’ Acchiappasogni viene appeso sopra il letto con lo scopo di filtrare i sogni: se si tratterà di sogni buoni li affiderà al filo di perline (le forze della natura) che li farà avverare, se li giudicherà cattivi li consegnerà alle piume di uccello che la mattina dopo li faranno portare via disperdendoli nei cieli …Ancora oggi ogni volta che nasce un bambino, gli indiani costruiscono un Dream-catcher e lo appendono sopra la sua culla; gli indiani conservano il loro Acchiappasogni per tutta la vita….con gli anni il suo potere si accresce e con esso anche la capacità di proteggere il suo possessore e realizzare i suoi sogni.

La Leggenda dell’Acchiappasogni è una tra le più belle e suggestive della cultura degli Indiani d’America:

Una delle leggende secondo i nativi americani narra…….

di una bambina indiana il cui nome era Nuvola Fresca che un giorno racconto impaurita a sua madre, Ultimo sospiro della sera, i sogni-incubi e le visioni che di notte faceva. Col fiato sospeso, Ultimo sospiro della sera, tentò di riscaldare i tremori della piccola Nuvola Fresca spiegandole che quelli che vedeva si chiamavano SOGNI… ma la piccola voleva vedere soltanto quelli buoni.

Allora la madre sicuro che fosse ingiusto chiudere le porte alle paure della figlia pensò a come riconoscere i sogni, e così invento una rete tonda per pescare i sogni del Lago della Notte. Al centro della rete intrecciata mise un piccolo sasso come catalizzatore e intorno ad esso una goccia d’argento, un pezzo di turchese (come significato del desiderio) e un dente di animale forte (simbolo di protezione), infine code di animali e piume di uccelli furono legati all’estremo inferiore della rete.

Finito il lavoro, Ultimo sospiro della sera appese l’acchiappasogni sopra il letto della piccola per pescare per lei i sogni. Se si tratterà di sogni buoni il Dream-Catcher li affiderà al filo di perline (le forze della natura) che li farà avverare, se li giudicherà cattivi li consegnerà alle piume di uccello e li farà portare via disperdendoli nei cieli.

E così fu per Nuvola fresca e per tutti i bambini indiani del villaggio.
Ancora oggi, ogni volta che nasce un bambino, gli indiani costruiscono un Dream-Catcher e lo appendono sopra alla sua culla. Gli indiani conservano il loro acchiappasogni per tutta la vita… con gli anni il suo potere si accresce e con esso anche la capacità di proteggere il suo possessore e realizzare i suoi sogni.

MITAKUYE OYASIN
Siamo tutti fratelli
(saluto rituale Lakota)

Di tanto in tanto, purifico le stanze della mia casa, e con lo stesso rituale purifico la mia aura. Oggi vi spiegherò come in modo molto semplice preparo dei piccoli “incensi” per la purificazione della casa. Esistono diversi metodi efficaci per la pulizia energetica. Il rito è molto semplice (deriva dalla tradizione sciamanica nativa). Lo stesso rito lo si può adattare per la  purificazione della propria aura con tre giri in senso orario intorno al proprio corpo.


Preparo dei rametti secchi di salvia e rosmarino colti con amore in un posto con una particolare energia. Io ho colto le mie piante al bosco dei poeti un posto energeticamente frizzante di energia. https://www.facebook.com/BoscodeiPoeti?fref=pb Naturalmente con il permesso dell’artista Lome ho raccolto salvia e rosmarino. I rametti di salvia e rosmarino vanno intrecciati e legati con lo spago. Quando si compie questa operazione è importante avere pensieri positivi, di luce e amore. I rametti si possono anche legare con dei nastri colorati che in quel caso assumeranno un particolare valore a seconda del colore usato. I rametti vanno lasciati essiccare a testa in giù. Una volta essiccati sono pronti per essere usati. Si procede a bruciare la punta e poi si soffia sopra in modo che la fiamma si spegne e rimane il fumo. Quindi con un piatto o con il rametto in una tazza per non rischiare che alcune braci vengano lasciate per la casa con il rischio di un incendio, si procede a purificare prima la nostra aura con tre giri in senso orario e poi si purifica la casa lungo il suo perimetro. In senso orario con il fumo della nostra salvia e rosmarino andremo in ogni angolo facendo dei movimenti rotatori. E’ importante purificare ogni stanza e ogni angolo. Mentre fate questo rito, la vostra intenzione deve essere chiara e determinata. Se preferite per dare ulteriore forza al rituale potete dire ad alta voce la vostra intenzione. Dopo la pulizia ricordare sempre di aprire le finestre per allontanare l’energia negativa liberata. Gli Indiani d’America utilizzavano la salvia per diversi scopi come la guarigione spirituale, le cerimonie e la consacrazione dei loro spazi. La pianta è associata alla direzione dell’ Est. L’ Est è la direzione spirituale della visione sulle origini e le cause di tutte le cose.
 L’ Est è la direzione dove ogni giorno sorge il sole (Alba), dando luce al mondo, chiarezza, innocenza e calore.
 L’ Est è la direzione dell’inizio della vita che nasce e che rinnovandosi nasce nuovamente dopo il buio, la primavera dopo l’inverno. La salvia porta guarigione, prosperità, saggezza, purificazione, denaro. Il rosmarino protegge dalle negatività, benedizione, consacrazione, amore. E’ considerato sacro presso molte civiltà. I rametti di rosmarino venivano bruciati nei templi dell’antica Grecia. Le fumigazioni venivano usate nel medioevo per allontanare gli spiriti maligni. Questa pratica di purificazione che ho appena fatto e raccontato è molto semplice ma è così potente che vi stupirete di quanta energia riesce a smuovere nella vostra vita. A volte può capitare di non riuscire a finire nemmeno la totale purificazione della casa che riceverete una telefonata importante o una persona particolare busserà alla porta della vostra casa. Dopo la purificazione della casa fate un bagno con il sale appena potete. Qui potete leggere come fare questo bagno.

Se farete questo rituale sarò felice di ricevere e pubblicare le vostre testimonianze. So già che riuscirete a stupirmi come sempre. Un abbraccio

Ho finito prima di realizzare altri porta-fortuna. Alchimia , magia, natura attraverso le radici del cuore lungo la via dell’archetipo del fanciullo divino

ROSY PADILLA PEREZ chiamata anche Mamakuna che vuol dire  Madre che cura è una una curandera o sciamana, riceve dei bellissimi ed intensi messaggi d’amore. Ha Inviato  per OPERAZIONE CUORE molti cuori che hanno una grande e potente energia e pubblicherò non tutti oggi ma piano piano, per poterne sentire tutta l’intensa energia vibratoria.

Mamakuna scrive : In la prima foto ci sono i cuori  di argento in fuoco speciale colore viola  questa foto vino dopo che abbiamo fatto un cerchi sciamanico in onore a la luna di novembre ! in la sabbia di notte si e formato anche il cuore dopo di avere fatto un altro cerchio energetico sempre per la Luna !Un forte abbraccio Maria de luce e Amore!! grazie per il lavoro che fai!! <3

Grazie Rosy, grazie Mamakuna

ROSY PADILLA PEREZ chiamata anche Mamakuna


Oggi una testimone d’amore di OPERAZIONE CUORE Tonina Perrone mi ha inviato un bellissimo articolo. Grazie Tonina

Muore la moglie di un anziano agricoltore nel ’95, lui le dedica migliaia di alberi. Oggi sono cresciuti e la foresta ha una forma a cuore, visibile dai satelliti.

Muore la moglie di un anziano agricoltore nel ’95 e lui le dedica migliaia di alberi. Oggi sono cresciuti e la foresta ha una forma a cuore, visibile dai satelliti.
Winston Howes, oggi 70 anni, 17 anni fa aveva pianificato con cura una macchia boscosa, un querceto, sul suo terreno, mentre elaborava la terribile perdita di sua moglie. Oggi gli alberi sono cresciuti, e la foresta ha una forma a cuore visibile dai satelliti. Nella zona del cuore, un prato circondato da alberi nel bel mezzo del nulla, Winston ha trovato la sua oasi di pace dove sedersi e ricordare la moglie.

La storia dell’agricoltore Winston Howes sta commuovendo l’intera Inghilterra. Una vicenda più toccante di quella narrata in tanti e tanti film.
Winston ha creato una foresta di solidissime querce in memoria della moglie Janet, senza dire mai niente a nessuno: non voleva diventare celebre, e tuttavia lo è diventato. Il cuore disegnato nella foresta di migliaia e migliaia di querce non è visibile in alcun modo dai dintorni, ma la moderna tecnologia ha intercettato la sua creazione e alla fine qualcuno ne ha parlato alla stampa: a scattare la foto diventata celebre nel giro di un lampo non è stato infatti un satellite, sebbene fosse negli arcihivi, ma un altra figura assai curiosa, un guidatore di mongolfiera.

Sembra di essere in un delizioso film animato, venato di amarezza, della Pixar. Solo che è tutto vero.

Il signor Howes aveva sposato la signora Howes nel 1962 e questa era venuta a mancare nel 1995, all’età di 50 anni, per un attacco di cuore. Altra coincidenza che forse non è una coincidenza: è per quel cuore che l’ha tradita che il marito ha voluta ricordarla, per quel cuore che a lei lo ha unito e dal quale non è mai riuscito a staccarsi. fonte: totemblueart

Oggi vi presento i nuovi esseri entrati in casa mia. Gatto Fru Fru e Nella. Amano giocare e da subito sono saliti in soppalco divertendosi a correre su e giù per la scala.

La nascita di gatto Fru Fru

Il corpo di Fru Fru

Nella e Fru Fru

Su e giù per la scala

 

 

Ho finito di realizzare alcuni talismani. Questi talismani possono essere posizionati anche in prossimità di piante in quanto catalizzatori energetici.

Gli sciamani utilizzavano simboli come un potentissimi catalizzatori di energia che permettevano di mettersi in contatto con le forze della Natura. Il simbolo diviene dialogo tra mondo terreno e spirituale

Alcuni gli ho posizionati alla base delle mie piante.

Il giorno del wesak, 6 di maggio  misi a riposare nello spazio sacro della piramide  qui gli oleoliti. Artiglio del diavolo, iperico, calendula, edera, foglie di vite rossa, camomilla, arnica hanno riposato nell’olio sotto la piramide con i cristalli di quarzo. Il 21 giugno nel solstizio d’estate giorno magico per eccellenza ho filtrato gli oli, che mi serviranno nella preparazione di creme oli e unguenti.

I  filtraggi:

1 ) prendo un altro vasetto pulito e faccio colare l’ olio attraverso un colino. Una volta finito prendo la pianta e la metto nella centrifuga. La pianta verrà spremuta in tutte le sue parti. Unisco il succo centrifugato dell’erba al precedente olio filtrato con il colino

Poi passo al secondo filtraggio.

2 ) prendere il vasetto con l’olio e filtrarlo nuovamente ma questa volta con il tessuto usato per rivestire le piante dal gelo. Questo tessuto è particolarmente indicato perché diventa un comodo ed economico filtro per l’olio e il più piccolo deposito rimane nel tessuto.

3 ) imbottigliare l’olio in vetro scuro per una miglior conservazione.

Nei giorni che vanno dal 21 al 24 giugno verranno preparati creme e unguenti. Durante tutte queste fasi è importantissimo avere pensieri positivi d’amore e cantare o ascoltare musiche che aprono l’anima.

Mentre preparavo gli olio ho ascoltato questo mantra.