Header image

Questa notte l’aurora era rossa ed è un fenomeno molto raro. Questa foto l’ha fatta circa 1 ora fa in Alaska, più precisamente a Fairbanks Marco Togni e Mihoko
Questa notte l’aurora ha raggiunto un indice kp di 6,67 che è davvero tanto.

I vichinghi un tempo credevano che l’aurora era il mitico ponte attraverso il quale le anime dei defunti passavano nell’aldilà.
Gli eschimesi della Groenlandia e del nord del Canada ritenevano invece che esse rappresentassero il regno dei morti. Quando le loro luci cambiavano velocemente voleva dire che dei loro amici stavano provando a mettersi in contatto con i loro familiari in vita. Questo popolo credeva inoltre che fischiando le aurore si sarebbero avvicinate a loro, mentre battendo le mani si sarebbero allontanante.Per i lapponi infine l’aurora boreale era un fenomeno potente e spaventoso. Indicava infatti la presenza di messaggeri di Dio, creature da rispettare e temere.Credevano che gesti come fischiare, agitare fazzoletti o far tintinnare campanelli spingessero l’aurora ad attaccare i trasgressori. qui trovate Marco https://www.facebook.com/MarcoTogni.it?fref=pb e anche qui http://www.marcotogni.it/ e qui http://blog.marcotogni.it/


 

Finito ora il mio nuovo acchiappa sogni, dalle parti va ancora appeso qualche cosa ma nei prossimi giorni verranno le cose da appendere :-)

La tradizione vuole che il Dream-Catcher venga costruito a forma di cerchio (l’eternità) con un ramo di salice piegato (che può essere rinforzato con cuoio) in cui viene intrecciata, con uno spago di cotone, la rete (della vita) che ricorda la ragnatela del ragno, il centro della rete può essere impreziosito con perline e denti di animale forte (simbolo di protezione), infine code di animali e piume di uccelli vengono legati all’estremo inferiore della rete. L’ Acchiappasogni viene appeso sopra il letto con lo scopo di filtrare i sogni: se si tratterà di sogni buoni li affiderà al filo di perline (le forze della natura) che li farà avverare, se li giudicherà cattivi li consegnerà alle piume di uccello che la mattina dopo li faranno portare via disperdendoli nei cieli …Ancora oggi ogni volta che nasce un bambino, gli indiani costruiscono un Dream-catcher e lo appendono sopra la sua culla; gli indiani conservano il loro Acchiappasogni per tutta la vita….con gli anni il suo potere si accresce e con esso anche la capacità di proteggere il suo possessore e realizzare i suoi sogni.

La Leggenda dell’Acchiappasogni è una tra le più belle e suggestive della cultura degli Indiani d’America:

Una delle leggende secondo i nativi americani narra…….

di una bambina indiana il cui nome era Nuvola Fresca che un giorno racconto impaurita a sua madre, Ultimo sospiro della sera, i sogni-incubi e le visioni che di notte faceva. Col fiato sospeso, Ultimo sospiro della sera, tentò di riscaldare i tremori della piccola Nuvola Fresca spiegandole che quelli che vedeva si chiamavano SOGNI… ma la piccola voleva vedere soltanto quelli buoni.

Allora la madre sicuro che fosse ingiusto chiudere le porte alle paure della figlia pensò a come riconoscere i sogni, e così invento una rete tonda per pescare i sogni del Lago della Notte. Al centro della rete intrecciata mise un piccolo sasso come catalizzatore e intorno ad esso una goccia d’argento, un pezzo di turchese (come significato del desiderio) e un dente di animale forte (simbolo di protezione), infine code di animali e piume di uccelli furono legati all’estremo inferiore della rete.

Finito il lavoro, Ultimo sospiro della sera appese l’acchiappasogni sopra il letto della piccola per pescare per lei i sogni. Se si tratterà di sogni buoni il Dream-Catcher li affiderà al filo di perline (le forze della natura) che li farà avverare, se li giudicherà cattivi li consegnerà alle piume di uccello e li farà portare via disperdendoli nei cieli.

E così fu per Nuvola fresca e per tutti i bambini indiani del villaggio.
Ancora oggi, ogni volta che nasce un bambino, gli indiani costruiscono un Dream-Catcher e lo appendono sopra alla sua culla. Gli indiani conservano il loro acchiappasogni per tutta la vita… con gli anni il suo potere si accresce e con esso anche la capacità di proteggere il suo possessore e realizzare i suoi sogni.

MITAKUYE OYASIN
Siamo tutti fratelli
(saluto rituale Lakota)

Di tanto in tanto, purifico le stanze della mia casa, e con lo stesso rituale purifico la mia aura. Oggi vi spiegherò come in modo molto semplice preparo dei piccoli “incensi” per la purificazione della casa. Esistono diversi metodi efficaci per la pulizia energetica. Il rito è molto semplice (deriva dalla tradizione sciamanica nativa). Lo stesso rito lo si può adattare per la  purificazione della propria aura con tre giri in senso orario intorno al proprio corpo.


Preparo dei rametti secchi di salvia e rosmarino colti con amore in un posto con una particolare energia. Io ho colto le mie piante al bosco dei poeti un posto energeticamente frizzante di energia. https://www.facebook.com/BoscodeiPoeti?fref=pb Naturalmente con il permesso dell’artista Lome ho raccolto salvia e rosmarino. I rametti di salvia e rosmarino vanno intrecciati e legati con lo spago. Quando si compie questa operazione è importante avere pensieri positivi, di luce e amore. I rametti si possono anche legare con dei nastri colorati che in quel caso assumeranno un particolare valore a seconda del colore usato. I rametti vanno lasciati essiccare a testa in giù. Una volta essiccati sono pronti per essere usati. Si procede a bruciare la punta e poi si soffia sopra in modo che la fiamma si spegne e rimane il fumo. Quindi con un piatto o con il rametto in una tazza per non rischiare che alcune braci vengano lasciate per la casa con il rischio di un incendio, si procede a purificare prima la nostra aura con tre giri in senso orario e poi si purifica la casa lungo il suo perimetro. In senso orario con il fumo della nostra salvia e rosmarino andremo in ogni angolo facendo dei movimenti rotatori. E’ importante purificare ogni stanza e ogni angolo. Mentre fate questo rito, la vostra intenzione deve essere chiara e determinata. Se preferite per dare ulteriore forza al rituale potete dire ad alta voce la vostra intenzione. Dopo la pulizia ricordare sempre di aprire le finestre per allontanare l’energia negativa liberata. Gli Indiani d’America utilizzavano la salvia per diversi scopi come la guarigione spirituale, le cerimonie e la consacrazione dei loro spazi. La pianta è associata alla direzione dell’ Est. L’ Est è la direzione spirituale della visione sulle origini e le cause di tutte le cose.
 L’ Est è la direzione dove ogni giorno sorge il sole (Alba), dando luce al mondo, chiarezza, innocenza e calore.
 L’ Est è la direzione dell’inizio della vita che nasce e che rinnovandosi nasce nuovamente dopo il buio, la primavera dopo l’inverno. La salvia porta guarigione, prosperità, saggezza, purificazione, denaro. Il rosmarino protegge dalle negatività, benedizione, consacrazione, amore. E’ considerato sacro presso molte civiltà. I rametti di rosmarino venivano bruciati nei templi dell’antica Grecia. Le fumigazioni venivano usate nel medioevo per allontanare gli spiriti maligni. Questa pratica di purificazione che ho appena fatto e raccontato è molto semplice ma è così potente che vi stupirete di quanta energia riesce a smuovere nella vostra vita. A volte può capitare di non riuscire a finire nemmeno la totale purificazione della casa che riceverete una telefonata importante o una persona particolare busserà alla porta della vostra casa. Dopo la purificazione della casa fate un bagno con il sale appena potete. Qui potete leggere come fare questo bagno.

Se farete questo rituale sarò felice di ricevere e pubblicare le vostre testimonianze. So già che riuscirete a stupirmi come sempre. Un abbraccio

Magda per Arteikos testimone di OPERAZIONE CUORE ha inviato dei cuori che sembrano poesia. Vibra l’amore…..e ogni cuore sembra un pianeta , ogni cuore una stella………grazie Magda

Arteikos Arte Come Archetipo potete trovarlo quiqui

Ho ricevuto un dono da Madre Terra

Passeggiando tra i sacri sentieri del Parco dell’Adamello…

Dialogo spirituale tra popoli, durante le cerimonie tenutesi nel periodo di convegno tra Lakota e Tibetani in Saviore dell’Adamello.

Un fuoco di purificazione ha unito Italiani, Lakota e Tibetani, per ciascuno di questi popoli Madre Terra ha lasciato un segno visibile del suo Amore.

… Augusto nelle sue vesti di contadino raccoglie meravigliose patate nei territori della federazione di Damanhur…

 

21 giugno 2012 solstizio estivo. Il giorno più lungo e magico dell’anno.

Una notte speciale, carica di misteriose magie.

Nel solstizio d’estate il sole “si ferma”, sorgendo e tramontando sempre nello stesso punto, fino al 24 giugno (in quello invernale il fenomeno accade fino al 25 dicembre), giorno in cui ricomincia a muoversi nel cielo, sorgendo gradualmente sempre più a sud sull’orizzonte (a nord dopo il solstizio invernale).Si dice che le erbe raccolte nella notte di San Giovanni, abbiano un potere magico, grado di scacciare malattie e sortilegi, e tutte le loro caratteristiche vengono esaltate e portate alla massima potenza. In questa notte detta anche, notte delle streghe si possono preparare pozioni magiche per gli incantesimi. Si prepara la bacchetta magica con rami di nocciolo.
In questo giorno magico potete raccogliere le erbe, dare particolare forza ai vostri preparati, o preparare sacchettini magici con le erbe. Non dimenticate di accendere delle candele sulla vostra finestra, ogni intenzione fatta con il cuore verrà potenziata in modo davvero particolare.

…….e il fuoco brucia

magica notte…….

Ci sono giorni particolarmente indicati per la preparazione di oli creme e unguenti curativi.

Da tempo mi preparo oleoliti che mi servono alla preparazione di creme curative ma anche di bellezza.. Non acquisto creme per il corpo ma preparo tutto in casa in modo naturale affascinata fin da bambina da erbe e infusi.

La mamma di mia madre, la mia amata nonna preparava creme e unguenti andando nei boschi. Morì quando ero una bambina piccola e non mi ha tramandato ricette particolare ma nel sangue corre sia il suo temperamento che il suo grande amore per le piante e unguenti. Naturalmente anche la magia che non guasta :-)

L’altro giorno ho preparato gli oleoliti che mi serviranno tra circa 40 giorni per la preparazione di alcune creme.

Ho scelto per la preparazione degli oli, il giorno del wesak. E’ un giorno particolare, perché giungono a noi le benedizioni impartite dai maestri. Il wesak è una festa che parla di unità di cuore, di compassione gli uni verso gli altri di condivisione di risorse e sogni, integrazione tra culture e arte. E’ un giorno dove l’energia vibra altissima e con grande amore ho preparato questi oli cercando di canalizzare e imprimere nell’olio stesso come un sigillo di Luce. Ho messo gli Oli a riposare sotto la grande piramide che potenzierà ed equilibrerà ulteriormente gli oli. La piramide ha un grandissimo potere energetico, è in grado di energizzare ogni oggetto presente attorno a lei o al suo interno. Gli oli sono stati messi a riposare nello spazio sacro della piramide poi tra più di 40 giorni vi farò vedere come estraggo l’olio e preparo le creme.

Arnica, artiglio del diavolo, camomilla, edera, ortica, vite rossa, calendula.

la preparazione delle erbe con gli oli

nello spazio sacro della piramide, gli oli verranno filtrati tra più di 40 giorni: Ora vengo lasciati sotto la piramide.

alcuni cristalli e simboli potenzieranno ulteriormente le fasi del processo alchemico

il wesak , giorno scelto per la preparazione degli oli

 

11.11.11 giorno particolare in cui si muovono vorticosamente diverse energie. Molte sono le persone che hanno aspettative di ogni sorta per questo giorno.

Per questo motivo, in ogni angolo del pianeta si sta diffondendo una febbrile corsa all’organizzazione di eventi ed incontri di meditazione per celebrare l’11/11/11 alle ore 11:11, momento noto come “codice del risveglio”.

Il numero 11 ha lo scopo di canalizzare l’energia dei piani superiori e di trasmetterla sulla terra.

Un grande portale si sta per aprire  e attiva la coscienza umana espandendo i modi di percepire la realtà. Nuove frequenze stanno per aprirsi, è importante predisporsi a cuore aperto, cercando in tutti i modi di allinearsi con madre terra e fratello sole entrando in risonanza con le energie d’amore.

Vivete col cuore

Cercate di centrare di vostro cuore visualizzando AMORE

Lazurca Mirela testimone d’amore per OPERAZIONE CUORE  ha inviato dei magici cuori d’amore.

Oggi 23 settembre, equinozio d’autunno voglio pubblicare i magici cuori di una magica anima, Mirela Lazurca

qui potete trovare Mirela:

http://www.youtube.com/celebrarelavita

http://www.youtube.com/watch?v=SP0x-WdMTxI

ecco i magici cuori


 

Domani parto per le vacanze.
“Un viaggio nei luoghi più ricchi del Pianeta di storia e di Mistero. Dai Menhir preistorici della Bretagna, dalla Magia di Mont St. Michel alla cattedrale enigmatica di Chatres. Sulle linee di energia tellurica conosciute dalle popolazioni pre-celtiche, che sopra di esse issavano lunghe file di Menhir. (A Carnac si incontrano su tre file, per oltre quattro chilometri, quasi tremila Menhir). Per provare di persona le sensazioni fisiche e psichiche che si manifestano facendo un certo percorso all’interno della cattedrale di Chatres. Per assaporare terra mare e magia di Normandia, Bretagna, nei luoghi dei druidi, dei celti e della foresta magica di re Artù ….il mio ritorno è previsto tra qualche giorno.

Certamente al mio ritorno posterò alcune fotografie del mio viaggio, e i vostri magnifici cuori perchè……OPERAZIONE CUORE continua……aspetto tutti i meravigliosi cuori che son certa troverete  magicamente  sul vostro cammino………….

ieri  facebook ha deciso a riattivarmi  in via temporanea per consentirti di convertire il mio  profilo in Pagina solo così posso essere ancora con voi, Figlia Delle Stelle è diventata ora una pagina. Se volete potete cliccare a destra nella parte di facebook ed entrerete nella pagina……..in facebook non potevo rimanere con questo nome a quanto pare e così ora in facebook sono una pagina :-/…..

intanto per tutti voi magia di stelle

e un grande magico abbraccio ricolmo di amore, gioia, pace, Luce

a presto…….

Solstizio d’estate 21/24 giugno - S. Giovanni

La parola solstizio viene dal latino “Solis statio”: fermata, arresto del Sole. Solstizio identifica il giorno in cui il sole raggiunge la massima distanza dall’equatore.

Tracce di culti solari si incontrano in tutto il mondo, dalla Polinesia all’Africa alle Americhe, e giungono fino ai nostri giorni: per gli eschimesi il Sole è la Vita mentre la Luna la Morte, in Indonesia il Sole si identifica con un uccello e con il potere del volo, tra le popolazioni africane primitive la pioggia è il seme fecondatore del dio Amma, il Sole, creatore della Terra. Ma facciamo qualche passo indietro.

Per gli Inca, la cui massima fioritura si ha intorno al quindicesimo secolo, la divinità Inti è il Sole, sovrano della Terra, figlio di Viracocha, il creatore, e padre della sua personificazione umana, l’imperatore. Attorno a Cuzco, capitale dell’impero, sorgono i “Mojones”, torri usate come “mire” per stabilire i giorni degli equinozi e dei solstizi. A Macchu Picchu, luogo sacro degli Inca, si può ancora vedere il “Torreon”, una pietra semicircolare incisa per osservazioni astronomiche, e l’”Intihuatana”, un orologio solare ricavato nella roccia.

Per i Maya è il supremo regolatore delle attività umane, sulla base di un calendario nel quale confluiscono credenze religiose e osservazioni astronomiche per quell’epoca notevolmente precise.

Tra gli indiani d’America il Sole è simbolo della potenza e della provvidenza divine. Presso gli Aztechi è assimilato a un giovane guerriero che muore ogni sera e ogni mattina risorge, sconfiggendo la Luna e le stelle: per nutrirlo il popolo azteco gli sacrificava vittime umane. Leggende analoghe, anche se fortunatamente meno feroci, si trovano ancora tra le popolazioni primitive nostre contemporanee.

La Notte di San Giovanni, cade nel solstizio d’estate, periodo legato ad una serie di riti magici, credenze ed usi popolari, celebrazioni iniziatiche e rituali propiziatori.

E’ il periodo della raccolta delle piante e delle erbe da usare nelle operazioni magiche, perchè in questo breve ma intenso arco di tempo, tutte le piante e le erbe sulla terra vengono influenzate con particolare forza e potere.

E’ il momento giusto per preparare la vostra bacchetta magica.

Accendete in questi magici giorni una candela sulla vostra finestra, visualizzate e con cuore aperto, chiedete ogni vostro desiderio. Chiedete e vi sarà dato.