Essere dei boschi

Non mi disse il suo nome, ma quel giorno lo incontrai salendo verso la cima della montagna. Amava giocare con foglie di leccio e di carpino e fare il solletico alle farfalle.

 

Questa voce è stata pubblicata in esseri di Luce, Fiabe, folletti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.