Linda essere dei boschi

Se ne stava spaparanzata come nulla fosse su un letto di edere e mi guardava con i sui grandi occhi gialli. Aveva uno strano oggetto appeso al suo collo, mi disse che era la chiave per il portale e che lei si chiamava Linda. Nel disegno riconobbi il fiore della vita e molto tempo dopo feci un quadro dedicato alla chiave di Linda.

 

Questa voce è stata pubblicata in esseri di Luce, folletti. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.